Scoprite ogni terzo sabato del mese un nuovo racconto

S

Passione da condividere e storie da narrare: per questo siete qui.
Cosa c’è di meglio che staccare dalla quotidianità e lasciare libera la mente di vagare e immergersi in storie capaci di mostrare nuovi mondi o un nuovo modo di considerare mondi apparentemente tanto conosciuti da sembrare scontati?
BluttaBlatta ha una sola richiesta ai suoi lettori: ogni giorno, anche solo per dieci minuti

prendetevi una pausa dalla vita

e dedicatevi a voi. Fate qualcosa che vi faccia stare bene, che vi soddisfi e vi lasci una goccia di positività per affrontare il resto della giornata.
E se potrete trovare qui quella positività, allora BluttaBlatta ha raggiunto il suo obiettivo.

BluttaBlatta

Voglia di saperne di più?

BluttaBlatta, al secolo Martina Ravioli, nasce da mamma svizzera e papà italiano. Cresce a ridosso delle prealpi con cinque famigliari, due gatte, due cagne e un imprecisato numero di galline.
Dopo le scuole dell’obbligo, frequenta il Liceo Classico, si laurea in Scienze Naturali e oggi lavora nel mondo della comunicazione.
Per molto tempo ha vissuto nel paese che l’ha vista crescere, in una vecchia e piccola casa gialla che un tempo confinava con il lavatoio. Oggi condivide spazi e tempi con un marito, due gatti – Carlo Magno e Teodolinda – e tanti libri.
Ha un romanzo nel cassetto e molti sul comodino. Il primo in attesa di farsi conoscere e i secondi di essere letti e riletti.

Guarda l’intervista di Martina Ravioli con Miriam Messina. Uno sguardo dietro le quinte di BluttaBlatta.com e del romanzo “Le statistiche del trenino